Agnone

Se sei alla ricerca di un viaggio nella cultura e nelle tradizioni, ti suggeriamo di visitare Agnone, città d’arte per due volte insignita del titolo di “Regia Città”. Collocato a 840 mt. s.l.m., l’importante comune di Agnone è una meta fondamentale nel viaggio in Molise.

Antica città sannita prima e suggestiva città medioevale poi, oggi è Agnone nota a livello internazionale per la lavorazione artigianale di ori e rami, ma soprattutto per l’antica tradizione delle Campane.

Il paese è infatti sede di uno dei più antichi stabilimenti al mondo per la realizzazione delle campane: la Pontificia Fonderia di Campane Marinelli.

Ad Agnone sono state fuse campane celebri tra cui:
– Santuario di Lourdes nel centenario dell’apparizione (1958);
– Commemorativa del primo centenario dell’Unità d’Italia (1961);
– Campana del Concilio Vaticano II (1963);
– “Kennedy Bell” (1964);
– Campana dell’Anno Santo (1975);
– Medjugorje (1988) per l’anno mariano;
– “Perestrojka” per lo storico incontro del Papa con Gorbacíov (1989);
– Campanone per il centro sportivo di Sapporo in Giappone (1990);
– Celebrazioni colombiane (1992);
– Giubileo (2000).

Monumenti e luoghi di interesse
Centro storico e borgo medioevale;
– Il Museo storico della campana e l’area archeologica;
– Il Palazzo San Francesco
e la sua biblioteca con la Mostra permanente del libro antico;
Fonderia Pontificia Marinelli;
– I mulini ad Acqua;
– Le antiche botteghe artigiane del Rame e del ferro battuto;
– Piazza XX settembre
e l’Obelisco;
– Parco Letterario Francesco Jovine
, (ospitata in un edificio del primo ‘900).

Feste tradizionali
– La ‘Ndocciata (dicembre), manifestazione che ha ricevuto dal Ministro del Turismo il premio “Patrimonio d’Italia per la Tradizione”.

Le 16 chiese del centro storico
Chiesa parrocchiale di San Francesco e convento (nel quale è possibile osservare il portale gotico, l’antico rosone, la cupola e il campanile, nonché decorazioni di Ambrosio Piazza e affreschi di Paolo Gamba);
Chiesa di Sant’Emidio (da non perdere il portale gotico e le opere d’arte di Giulio Monteverde, Giacomo Colombo, Giovanni e Amalia Dupré);
Chiesa di San Pietro;
Chiesa di San Nicola;
Chiesa di Sant’Antonio Abate;
Chiesa diSan Biase (la chiesa più antica di Agnone, dell’XI secolo).

Le case
Casa Nuonno sec. XIV;
Casa Paoloantonio sec. XVII;
Casa Apollonio sec. XV;
Casa Bonanni sec. XV;
Casa Santangelo sec. XVI.

Patrono: San Cristanziano.
Prodotto tipico: i formaggi (caciocavallo, scamorza, treccia), salumi e dolci (campana di cioccolata, tina di cioccolata, mostaccioli reali), le ostie e i confetti ricci.
Piatto tipico: le sagne a pezzi con sugo di agnello, le fettuccine ai funghi porcini e tartufo e la zuppa alla santè.
Riconoscimenti: bandiera arancione. La cittadina si presenta con una vivace attività culturale, che ha radici profonde, ed eventi tradizionali di grande suggestione. Molte, nel centro storico, le botteghe di prodotti tradizionali agro-alimentari e di artigianato locale.

Sei il proprietario di questa struttura?

Rivalutare la scheda è il modo migliore per gestire e migliorare la visibilità della tua attività.

Rivaluta la scheda!

Claim This Listing

Richiedi la tua scheda per gestire la pagina delle inserzioni. Avrai accesso al pannello di controllo in cui caricare foto, modificare il contenuto dell'elenco e molto altro ancora.